In pista con The North Face. Per accarezzare la montagna in libertà…

Sciare. Solo questo sport riesce a rendermi libera, nel corpo e nella mente. Scivolo sulla neve e non penso più a niente.

Forse è per questo che nessuno riesce a starmi dietro. Perché penso solo a risalire la montagna – che mi chiama sempre di più – e ad accarezzarla fino alla valle. Per poi ricominciare da capo, scorgendo vette, particolari, immagini, paesaggi.

Un andi-rivieni continuo e incessante, che potrei perseguire all’infinito. Che non so spiegare, ma che mi riempe in modo autentico, genuino, assoluto.

Ma non mi nascondo dietro l’ebrezza poetica. Per vivere la montagna a modo mio servono accessori super performanti, perché le ore che passo all’aria aperta non sono quantificabili. Qui entra in gioco quello che per me è un must per gli sport invernali, The North Face.

L’azienda statunitense è conosciuta per il suo uso in spedizioni sul monte Everest, una garanzia dunque. Il logo è stato disegnato da David Alcorn nel 1971 e ritrae il magnifico Half Dome, roccia granitica del Parco Nazionale di Yosemite.

Ecco il look che ho scelto per la stagione 2013/14:

The North Face Women’s Furano Pant: pantaloni impermeabili, termici multi-accessoriati, foderati con calda imbottitura PrimaLoft Eco, realizzati in tessuto elasticizzato in quattro direzioni traspirante HyVent 2L approvato Bluesign per facilitare al massimo i movimenti.

The North Face Women’s Baker Delux Jacket: combina impermeabilità e traspirabilità con protezione termica e street style. Questa giacca garantisce il calore grazie all’imbottitura Heatseeker racchiusa all’interno dello strato shell HyVent completamente termosaldato. La guarnizione staccabile in pelliccia ecologica, le cuciture in evidenza e la fodera in tricot di taffetà stampato a motivi floreali danno alla giacca un tocco glam.

The North Face Women’s Snorkle Hoodie: in pile FlashDry leggero e traspirante, ideale come capo da stratificare in pista o per rilassarsi al campo base. Realizzata in pile foderato in jersey, questa leggera giacca con cappuccio è elasticizzata da permettere la libertà di movimento. Proprio il cappuccio integrale aiuta a proteggere dal freddo e può essere indossato insieme alla maschera da sci. Comodissimi gli occhielli ricavati sui polsini: infilando il pollice sarà più semplice indossare giacca e guanto, e l’aria non passerà più.

The North Face Women’s Etip Facet Glove: guanti da sci che combinano prestazioni tecniche da clima freddo e funzionalità touchscreen. Ovvero, grazie agli inserti in pelle Pittards, permettono l’utilizzo di smartphone touchscreen. I manicotti e i cordini a strozzo alle estremità escludono neve e vento.

The North Face Butters Beanie: caldo berretto con pompon per atleti che danno importanza alle prestazioni senza sacrificare lo stile. Perfetta anche in città o per i weekend da trascorrere nelle capitali del Nord Europa.

Margherita Tizzi

In questi ultimi anni all’arrembaggio l’amore di Margherita per il giornalismo embedded è cresciuto e maturato. Resta il suo sogno – accanto a quello (nel cassetto) di diventare una maestra di sci e di trasformare l’Italia in un paese consapevole dei tesori che conserva. E’ il babbo pittore, infatti, che le ha trasmesso l’amore incondizionato per l’arte e il design...

No Comments Yet

Comments are closed

 


John Fitzgerald Kennedy

Ispirazioni: il futuro per Abraham Lincoln

Calvin Klein, Eternity Moment